Con questo blog vogliamo ricercare approfondimenti e spunti sul mondo del pavimento a 360 gradi, perché la complessità ed il fascino di questo mondo, che si compone di tecnologia, artigianalità, design, creatività e molto altro, non smette mai di stupirci… e siamo certi stupiranno anche te.

La parola a Gianluca Carraro, vincitore di Restile 2015

mercoledì 20 maggio 2015
Marketing Mirage
Scritto da
Marketing Mirage

Ed eccoci vis-à-vis con Gianluca Carraro, vincitore di Restile 2015, un giovane designer, ex studente del Politecnico di Milano. Con lui abbiamo cercato di individuare le ispirazione e i punti di riferimento, per meglio comprendere la genesi di un progetto che riflette un’evidente fascinazione per l’Oriente.

La proposta ideata da Gianluca Carraro si chiama infatti Sashiko. Con questo termine, nella tradizione giapponese, si identifica una tecnica adibita al rinforzo, solitamente utilizzata per riparare parti logore di abiti con l’aggiunta di pezze o a scopi puramente decorativi.
Si tratta a tutti gli effetti dell’espressione di una grande maestria artigianale, che consente di creare un vero e proprio patchwork compositivo.

Il tratteggio irregolare, i pattern delicati e la semplicità di un segno sofisticato definiscono una proposta dove ogni modulo riproduce una sfumatura di tessuto differente, accostato con apparente casualità.
L’antica arte di una tradizione occidentale, quale è la ceramica, incontra quella orientale, per concretizzarsi in un concept progettuale che ha convinto la giuria per “l’interessante capacità di trasformazione dell’effetto tessuto in una versione materica, attraverso lo sviluppo di una proposta non imitativa.”

Cosa ci ha detto Gianluca Carraro? Vediamolo insieme nell’intervista dedicata.