Con questo blog vogliamo ricercare approfondimenti e spunti sul mondo del pavimento a 360 gradi, perché la complessità ed il fascino di questo mondo, che si compone di tecnologia, artigianalità, design, creatività e molto altro, non smette mai di stupirci… e siamo certi stupiranno anche te.

Pallavi Dean Interiors rivela i segreti della progettazione del nuovo Project Point Mirage di Dubai

martedì 8 novembre 2016
Eleanor Joslin
Scritto da
Eleanor Joslin

Pallavi Dean Interiors, la boutique di interior design ubicata nel Dubai Design District, è il designer del Mirage Project Point di Dubai e ha creato uno spazio multi-funzionale dove i professionisti del design possono assistere o tenere presentazioni, incontri sul design, workshop, corsi di aggiornamento professionale e meeting, o semplicemente far visita al team di Mirage Middle East.

A Christina Morgan, Interior Design Director, Pallavi Dean Interiors, abbiamo chiesto di svelarci i segreti di questo progetto.

 

Inizialmente che cosa vi ha attratto del Mirage Project Point di Dubai?

Noi abbiamo sede nel Dubai Design District (d3) e amiamo essere parte di quella comunità, trovare continuamente ispirazione nel panorama dei nostri vicini creativi. Quando siamo venuti a sapere che Mirage era alla ricerca di un interior designer per il suo nuovo showroom nel d3, abbiamo subito colto l'occasione per creare qualcosa di iconico per Mirage che fosse anche fonte d'ispirazione per i creativi che avrebbero utilizzato lo spazio come risorsa per i loro progetti. Per il progetto ci siamo calati nei panni sia del 'designer' che dell''utente'.

 

Quali sono gli aspetti del progetto che ritieni più interessanti?

Ci siamo divertiti molto a progettare gli arredi per il cliente, a ri-tagliare le piastrelle e a creare piani di lavoro disegnati per tavoli riunioni che fanno eco all'approccio grafico di Bridget Riley. Abbiamo creato anche un 'Consultation Bar', un arredo mobile che può essere utilizzato per i meeting, per esporre campioni oppure semplicemente per prendere un caffè con il team di Mirage.

 

Come avete creato uno spazio versatile di consultazione e meeting, utilizzando le collezioni Mirage come supporto?

Lo spazio del Project Point di Dubai è suddiviso in tre aree, ciascuna utilizza le piastrelle Mirage per definire le zone. L'area principale è l'open space centrale con gli espositori di piastrelle ai lati e i 'Consultation Bars' mobili al centro che possono essere spostati per eventi, presentazioni e incontri per l'aggiornamento professionale, per esempio questo spazio abbiamo scelto la serie Transition in grande formato, perché è neutra nei toni, versatile e resistente. Il secondo spazio è un'area riunioni semi-privata nel giardino urbano, posizionata vicino alla vetrata esterna che espone i prodotti da esterno di Mirage, e precisamente la serie Mashup in stile cemento, i sistemi di posa di pavimenti e i gradini. Il terzo spazio è un 'Jewel Box' raccolto - una sala riunioni privata, interamente rivestita con la serie di piastrelle di lusso Mirage Jewels Suit, così i visitatori si sentono come se stessero entrando in un cofanetto per gioielli glamour.

 

 

Quali sono i consigli essenziali per creare spazi di design multi-funzionali?

La progettazione della multi-funzionalità consiste nell'avere una paletta di base neutra e nel conservare un senso di apertura per soluzioni di storage nascoste. Si può dare forma allo spazio con pareti divisorie mobili e arredi. Una buona illuminazione su binario flessibile e soffitti che si aprono sono, a loro volta, la chiave per assicurare che lo spazio non venga ostacolato da limiti tecnici.

 

Quali sfide avete affrontato? E come le avete vinte?

Una grande sfida è stata quella di trovare un equilibrio tra espositore creativo ed espositori funzionali. Lo spazio deve funzionare come uno showroom di vendita e consultazione, con alcuni espositori tradizionali e altri di archivio. Abbiamo progettato gli espositori funzionali in modo che facessero parte delle pareti circostanti con storage nascosto, mantenendo un senso di apertura con un'estetica da 'galleria' bianca in tutto lo showroom, per consentire alle installazioni creative di respirare.

 

Come l'area del d3 ha ispirato il vostro processo creativo?

È sufficiente trascorrere una sola mattinata nel d3 per essere ispirati dalla community. Siamo vicini alla designer di borse Natalie Trad; sopra di noi c'è un magazine di moda noto in tutto il mondo; e il Craft Café nel patio offre uno dei migliori cibi creativi di questa zona della città; è come tornare a frequentare un corso di arte! Si ha la sensazione che tutto sia possibile e che i confini possano essere portati a uno stato iconico. Volevamo che gli utenti del Mirage Project Point di Dubai provassero questa stessa ispirazione e che inserissero i prodotti in un'esperienza innovativa. Ci siamo riusciti creando un'installazione scultorea in gres porcellanato costruita su misura e con dei mobili realizzati su ordinazione. Abbiamo previsto anche dei mobili iconici sparpagliati come la poltrone 'Paper Planes' di Nipa Doshi & Jonathan Levien, 2010 per Moroso, e i dondoli Swing Seats di Droog Design, che creano dei punti di riferimento e continuano la conversazione di alto design nello spazio.

 

 

Qual è la reputazione del gres porcellanato rispetto alla pietra naturale in questo mercato regionale?

Abbiamo notato che i clienti e gli operatori del settore edilizio prediligono le piastrelle di gres porcellanato rispetto alla pietra naturale. Ciò è dovuto alla sua resistenza e alle opportunità di contenimento dei costi, inoltre oggi l'effetto-pietra è molto più realistico rispetto al passato. In particolare, l'effetto pietra e l'effetto legno delle piastrelle in gres Mirage sono così naturali che nei progetti le possiamo sostituire facilmente alle lastre di vera pietra o al vero legno. Il poter disporre di piastrelle più spesse e in formati grandi da 240 x 120 cm significa anche che le possiamo utilizzare per i piani di lavoro di cucine e bagni, i quali, di nuovo, sono più resistenti e più facili da gestire rispetto alla pietra naturale.

 

In base alla vostra esperienza, consiglierebbe di utilizzare il gres porcellanato per creare o personalizzare mobili e accessori?

Il gres porcellanato andrebbe visto come qualsiasi altro materiale solido. Può essere tagliato, sagomato, accatastato, modellato – le sue applicazioni sono molto flessibili. I colori luminosi e la riproduzione di pietre preziose della gamma Jewels Privilege di Mirage sono particolarmente interessanti; hanno la stessa vivacità e qualità della loro controparte in vera pietra, ma sono molto più economici e versatili.